Lievitati

Focaccia alle zucchine

focaccia-alle-zucchine

INGREDIENTI

  • 500 gr di impasto della pizza fatto in casa
  • 2 zucchine medie
  • origano secco
  • olio EVO
  • sale e pepe

PREPARAZIONE

LEGGERE SOTTO RICETTA PER L’IMPASTO DELLA PIZZA FATTO IN CASA

Ungere con l’olio una teglia da pizza da 30 centimetri di diametro.

Stendere la pasta da pizza con il mattarello sulla spianatoia infarinata, poi disporla nella teglia.

Premere con le dita per praticare delle leggere fossette.

Ricavare delle rondelle di circa 4 millimetri di spessore dalle zucchine e distribuirle sulla pasta, premendo un poco per farle aderire. Coprire la focaccia e farla riposare per 30 minuti.

Preriscaldare il forno a 220 gradi.

Condire la focaccia con un filo d’olio, origano, sale e pepe.

Cuocere per circa 20 minuti, o finché la superficie non risulti ben dorata.

RICETTA PER IMPASTO DELLA PIZZA

  • 70 gr di farina tipo 0
  • 5 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
  • 17 gr di lievito di birra o 1,5 cucchiaini di lievito secco attivo
  • un cucchiaino di zucchero
  • 1,5 cucchiaini di sale
  • 300 ml d’acqua circa
  • semola di grano duro per spolverare le teglie

PREPARAZIONE

Pesate in modo preciso tutti gli ingredienti. Prelevate poi 1 cucchiaio di farina, miscelatelo al lievito secco o al lievito fresco di birra sbriciolato e allo zucchero. Aggiungete l’acqua tiepida e lasciate riposare per un minimo di 2 ore a un massimo di una notte a temperatura ambiente.

Quando il lievitino sarà pronto, potete procedere a impastare la pizza secondo 3 modi:

  • A mano: versate in una ciotola il lievitino. Aggiungete la farina e incominciate a impastare. Versate l’olio e per ultimo il sale. Rovesciate l’impasto sulla spianatoia leggermente infarinata e impastate per almeno 10 minuti. Formate una palla d’impasto, riponetela a lievitare in una ciotola per almeno 3 ore coperta da un canovaccio al caldo, al riparo da correnti d’aria.
  • Con l’impastatrice: versate la farina nell’impastatrice e azionatela alla velocità minima. Unite nella planetaria il lievitino, l’olio e impastate per 1 minuto. Aggiungete per ultimo il sale. Fate lavorare l’impastatrice per 10 minuti. Dopodichè estraete l’impasto, formateci una palla e riponetelo in una ciotola. Copritelo con un telo da cucina e lasciatelo lievitare per almeno 3 ore coperto da un canovaccio al caldo e al riparo da correnti d’aria.
  • Con la macchina del pane: versate il lievitino per primo in modo che si depositi sul fondo del cestello, poi la farina ben sparpagliata sopra. Versate in un angolo del cestello l’olio e nell’ angolo opposto il sale. Scegliete la modalità  “solo impasto” e avviate la macchina del pane. Attendete la fine del programma prima di estrarre l’impasto.
  • Scaldate il forno a 230 °C.Dopo circa 3 ore la pasta avrà raddoppiato il suo volume. Infarinate la spianatoia, dividete l’impasto in 4 parti e formateci 4 palline. Stendete con le mani le pizze e riponetele sulle teglie leggermente oleate e infarinate con un po’ di semola di grano duro. Farcitele come più vi piace. Il consiglio è quello di iniziare con la CLASSICA PIZZA MARGHERITA.Infornate la pizza a forno caldissimo sul ripiano più basso. Dopo circa 15 minuti trasferitela a metà forno. Proseguite la cottura per altri 5 minuti e servitela subito.Se volete potete mettere le 4 palline di impasto su una teglia leggermente oleata e coperta da pellicola, e riporle in frigorifero. Si conservano per almeno 2 giorni. Alternativamente potete congelarle. Quando deciderete di scongelarle, lasciatele riposare a temperatura ambiente per almeno 3 ore.

Foccacia allo stracchino

focaccia-stracchino

INGREDIENTI

  • 250 gr di stracchino
  • 4 cucchiai d’olio extravergine
  • 1 cucchiaino di sale grosso
  • Acqua

PREPARAZIONE

Stendere la pasta sottilissima e metterla nella teglia leggermente oliata o con carta da forno. Fare in modo di avere un foglio di pasta grande il doppio rispetto alla teglia.

Spalmare lo stracchino sulla parte della pasta che è adagiata sulla teglia e chiudere a portafoglio il restante schiacciando bene i bordi.
Con le dita poi schiacciare tutta la focaccia in modo che il formaggio sia ben sparso e si formino degli incavi tipici della focaccia.

Preparare in una tazza un’emulsione di olio, acqua e sale grosso. Mescolare bene con una forchetta e versarlo sulla focaccia.

Fare qualche foro qua e là con la forchetta per far sì che l’aria esca in cottura.

Mettere in forno già caldo a 220 gradi per 10 minuti.
Servire calda e gnammignammi!!!

Focaccine Integrali con olive

focaccine-integrali-con-olive

INGREDIENTI

  • 500 g di farina integrale
  • 3 g di lievito secco di birra
  • 340 ml di acqua
  • 10 g di sale
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Un cucchiaino di zucchero
  • Una manciata di olive verdi denocciolate in salamoia

 PREPARAZIONE

Sciogliete il lievito nell’acqua tiepida e aggiungete il cucchiaino di zucchero (Foto 1). Pesate la farina e aggiungete il lievito precedentemente sciolto ed iniziate ad impastare.

Aggiungete il sale. Fate un panetto e lasciate lievitare – coprendo la ciotola con un canovaccio asciutto – in un posto privo di correnti d’aria, sin quando l’impasto non sarà raddoppiato (circa tre ore)

Trascorso questo tempo, riprendete l’impasto e sgonfiatelo. Poi stendetelo a formare un rettangolo e ripiegatelo su stesso dando così un giro di pieghe  Ripetete l’operazione, formate il panetto e lasciate lievitare un quarto d’ora.

A questo punto trasferite l’impasto nella teglia (28 cm di diametro) oleata e schiacciate leggermente, lasciate lievitare coprendo con un panno umido per 30 minuti.

Nel frattempo preparate una emulsione di olio e acqua (in proporzione del 50%).

Trascorsa la mezz’ora stendete con le mani l’impasto in modo da coprire tutta la teglia, ricopritelo con l’emulsione preparata, schiacciate con le dita per creare le tipiche fossette della focaccia.

Aggiungete le olive schiacciandole bene nell’impasto.

Lasciate lievitare l’ultima volta per circa 60 minuti coprendo la focaccia con un canovaccio e posizionandola in un posto caldo

Cuocete in forno preriscaldato a 200 gradi per i primi dieci minuti, poi abbassate a 180 gradi e cuocete per altri 5/10 minuti.

Focaccia di Nino

focaccia-di-nino-bimby

INGREDIENTI

  • 1 patata cruda (nessun problema, poi si cuoce…)
  • 450 gr  acqua
  • 200 gr farina 0
  • 200 gr farina di farro
  • 200 gr farina integrale
  • mezzo cubetto o mezza bustina lievito di birra
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 15 pomodorini
  • olio extra vergine di oliva
  • origano

PREPARAZIONE

Grattugiare la patata e mescolarla al lievito sciolto in mezzo bicchierino di acqua calda e allo zucchero.

Aggiungere il composto alle farine, unire l’acqua, il sale e impastare bene.

Lasciar lievitare l’impasto per 1 ora.

Versate l’impasto (che risulterà piuttosto liquido, non aggiungere farina!!!!) in due teglie spennellate di  abbondante olio (niente carta forno perchè si appiccicherebbe tutto l’impasto!) e condire con pomodorini tagliati a metà, l’ origano, un pizzico di sale grosso e un filo d’olio extravergine di oliva.

Infornare subito per 20 min a 200° in forno ventilato preriscaldato.

Focaccia in padella

focaccia-in-padella

INGREDIENTI

  • 300 gr di farina
  • 150 gr diacqua
  •  6 gr di lievito istantaneo
  •  1 cucchiaio di olio
  •  1 pizzico di zucchero
  •  6 gr di sale
Per il ripieno
  • 100 gr di scamorza
  •  100 gr diprosciutto cotto
  •  200 gr di  carciofi sott’olio

PREPARAZIONE

Mettete tutti gli ingredienti nella ciotola dell’impastatrice.

Lavorate fino ad ottenere un panetto morbido.

Dividere l’impasto in 2 parti.

Stendere un primo disco di pasta dello spessore di un paio di millimetri.

Farcire con prosciutto, formaggio e carciofini o il ripieno scelto.

Richiudere con un altro disco di pasta e sigillare bene i bordi.

Far scaldare un filo d’olio di semi in padella, poi mettete la focaccia in padella e chiudete con un coperchio. Dopo 5 minuti girate la focaccia , coprite e fate cuocere ancora altri 5 minuti.

Servite la vostra focaccia e buon appetito.

Focaccia sofficissima Pugliese

pugliese-focaccia

INGREDIENTI

• 250 g di semola di grano duro
• 250 g di farina “00”
• 15 g di lievito di birra fresco
• una patata da circa 150 g
• una decina di pomodorini ciliegia
• 1 cucchiaino di zucchero
• origano secco
• olio extravergine di oliva
• sale

PREPARAZIONE

Cuocete la patata a vapore sbucciata e tagliata a tocchetti per 15 minuti. Sbriciolate il lievito in una ciotola con lo zucchero e scioglietelo in 3 decilitri circa di acqua tiepida. Disponete la farina a fontana sulla spianatoia, unite la patata intiepidita e schiacciata, versate al centro il lievito sciolto e lavorate gli ingredienti per una decina di minuti, fino a ottenere un impasto liscio e morbido.

Trasferitelo in una ciotola leggermente unta, copritelo con la pellicola per alimenti e lasciatelo lievitare in un luogo tiepido fino a quando avrà raddoppiato di volume.

Trasferite l’impasto in una teglia di 34 centimetri leggermente unta con olio, versateci sopra 2-3 cucchiai di olio e schiacciatelo con le mani fi no a riempire lo stampo.

Affondate i pomodorini nell’impasto, cospargete la superficie con un pizzico di origano e aggiungete una presa di sale. Lasciate lievitare la focaccia coperta per un’altra ora e conditela con mezzo decilitro di acqua emulsionata con cinque cucchiai di olio. Cuocete in forno a 200° per circa 20 minuti.

Focaccia Genovese

focaccia-genovese-bimby-soffice

INGREDIENTI

  • 1 Kg Di Farina (Vi Suggeriamo Di Usare Metà 00 E Metà Manitoba)
  • 600 Ml Di Acqua Tiepida
  • 60 Gr Di Olio D’oliva Extra Vergine Più Quello Per La Teglia E Per La Fine
  • 50 Gr Di Lievito Di Birra Fresco (Ai Cubetti Preferite Quello Non Confezionato Acquistabile Presso Il Panettiere)
  • 20 Gr Di Sale Fino
  • 10 Gr (Circa Un Cucchiaio Colmo) Di Malto O Di Miele O Di Zucchero
  • Sale Grosso Q.B.

PREPARAZIONE

Versate la metà della farina nella ciotola, unite l’acqua in cui avrete sciolto il sale e il malto e lavorate il tutto per ottenere un impasto omogeneo

Poi sempre lavorando, incorporate il lievito di birra ben sbriciolato e poi 60 gr di olio.

Infine, aggiungete la farina rimasta, e lavorate ancora fino ad ottenere un impasto omogeneo ma morbido.

Lasciate riposare la pasta per un quarto d’ora, appoggiata sulla spianatoia ben coperta con uno strofinaccio.

Con queste dosi avrete bisogno di teglie con una superficie complessiva di 3.000 cm quadrati, per esempio 3 teglie rettangolari di dimensioni 40 x 25 cm.

Dividete la pasta in parti proporzionali alle teglie scelte, trattandola sempre con delicatezza senza tirare, strappare o battere l’impasto.

Prendete un pezzo di impasto, sempre senza violenza, ed iniziate a stenderlo cercando di ottenere la forma della teglia scelta.

Ungete la teglia e deponeteci sopra la pasta, versate un po’ di olio anche sopra alla pasta ungendola uniformemente.

Fatela lievitare in un luogo tiepido e riparato (per esempio nel forno spento dopo averlo lievemente scaldato, oppure lasciando la luce accesa) per circa 45 minuti, o comunque fino a quando avrà raddoppiato il volume.

A questo punto stendete la pasta fino a ricoprire completamente la teglia, ma cercate di fare questa operazione premendo con le dita e non tirando. Lasciate riposare per mezzora.

Cospargete la pasta stesa con un miscuglio di acqua e olio d’oliva (metà e metà).

Usando i polpastrelli delle dita fate i caratteristici buchetti (gli occhi), cercate di distribuirli molto vicini e uniformemente. Spolverate con sale grosso.

Ora dovete far fare l’ultima lievitazione per minimo un’ora (ma potete prolungare il tempo fino a 2 ore senza problemi), sempre in un luogo tiepido e riparato.

Cuocete la focaccia, o le focacce, nel forno caldo a 220/240 gradi per circa 20 minuti.

Sfornatela e rovesciatela su una gratella, per far perdere l’umidità.

Gustatela al più presto possibile, purtroppo con il passare del tempo la focaccia perde la sua inimitabile croccantezza.

Le varianti della focaccia alla genovese. La focaccia genovese ha una sola vera variante tradizionale: la focaccia con le cipolle. Potete prepararla seguendo la ricetta che vi abbiamo dato, cospargendo l’impasto con cipolle affettate sottilmente, dopo averlo cosparso di sale grosso alla fine del punto 5. Poi potete preparare anche la focaccia alla salvia, aggiungendo al momento dell’impasto al punto 1 un trito di foglie di salvia, oppure la focaccia con le olive, aggiungendo sempre a quel punto delle olive nere o verde snocciolate e tagliate a pezzetti. Ogni altra variazione della ricetta della focaccia genovese non è contemplata dalla tradizione e deve esser ritenuta eretica, quindi se vedete delle focacce con sopra wurstel o zucchine o pesto, si tratta di invenzioni di qualche fornaio, magari anche gustose, ma che non hanno il diritto di chiamarsi focaccia genovese.

Pizza con farina di grano duro e farina 00

pizza

INGREDIENTI

  • 350 g di acqua
  • 5 g di miele
  • 7 g di lievito di birra secco
  • 150 g di farina 00
  • 20 g di olio extravergine di oliva
  • 400 g di semola rimacinata di grano duro
  • Un cucchiaino di sale fino

Preparazione

Mettere in una ciotola 100 g di acqua, 5 g di miele, 7 g di lievito di birra secco e mescolare

Aggiungere 150 g di farina 00 e impastare

Metti questo lievitino in una ciotola leggermente unta, copri con la pellicola per alimenti e lascia riposare 2 Ore nel forno spento.

Versare nella ciotola 250 g di acqua, 20 g di olio extravergine di oliva, 400 g di semola rimacinata di grano duro, aggiungi il lievitino tenuto da parte e impastare.

Aggiungi un cucchiaino di sale fino e impastare ancora .

Metti l’impasto in una ciotola leggermente unta a lievitare, coperto con la pellicola per alimenti, 3 Ore.

Sgonfia l’impasto con i pugni, fai un giro di pieghe e lascia lievitare ancora 2 Ore.

Stendi l’impasto su una o due teglie, condiscilo come preferisci e cuocilo in forno.

Per una semplice pizza bianca condisci con un filo di olio extra vergine di oliva, spolvera con sale e inforna 7-8 Min. a 230°.

Se la condisci, aumenta il tempo di cottura a 15 Min.

Pizza al Latte

pizza-al-latte

INGREDIENTI

  • 400 gr di farina bianca 00
  • 1 cucchiaino raso di zucchero
  • 1 busta di lievito istantaneo (io ho usato il lievito pizzaiolo paneangeli)
  • 2 cucchiai di olio d’oliva
  • 225 ml di latte freddo

Ingredienti per il condimento

  • Passata di pomodoro
  • Basilico
  • Mozzarella per pizza
  • Philadelphia
  • Zucchine
  • Olio
  • sale

PREPARAZIONE

Allora, con il bimby basta mettere tutti gli ingredienti nel boccale e impastate 2 min a  vel spiga.

Per chi non ha il Bimby o l’impastatrice ecco il procedimento manuale: mescolare la farina in una terrina arla e mescolarvi sale, zucchero e lievito istantaneo setacciato; unire 2 cucchiai d’olio e aggiungere un po’ alla volta il latte, amalgamando il tutto con una forchetta.
Lavorare velocemente l’impasto con le mani sul piano del tavolo infarinato finché non risulterà liscio e omogeneo.

Stendere l’impasto con il mattarello (se non volete fare una teglia unica, potete dividerlo in due e ricavarvi due pizze tonde) e adagiare la pasta stesa su un foglio di carta forno, condirle a piacere prima di infornare a 210° per 12/15 min (la mozzarella non mettetela subito ma solo qualche minuto prima di sfornare la pizza)

Io le mie la mia l’ho fatta così: ho steso tutto l’impasto e l’ho poi diviso tagliando con un coltello, ho così ricavato due metà che ho condito distintamente.
Per la parte rossa ho steso uno strato di passata di pomodorini pachino, ho aggiunto un po’ di basilico tritato e un filo l’olio. Ho infornato e dopo un po’ ho aggiunto anche la mozzarella.
Per la parte bianca ho spalmato sulla superficie uno strato di philadelphia, ci ho grattugiato sopra una zucchina, aggiunto olio, sale e infornato. Anche in questo caso la mozzarella a pezzetti non l’ho messa subito ma solo 3 minuti prima di sfornare

PIZZA SCROCCHIARELLA

scrocchiarella

INGREDIENTI

Per il rinfresco:

120 gr di pasta madre solida
100 gr di farina 0
75 ml di acqua tiepida

Per l’impasto:

200 gr di farina 0
1 cucchiaio di olio extravergine
1 pizzico di sale fino integrale
Acqua

 

Per il condimento:

Olio extravergine
Rosmarino tritato
Origano tritato

 

PREPARAZIONE

Rinfrescate la pasta madre. Trasferitela in una ciotola, aggiungete 75 ml d’acqua (circa mezzo bicchiere) e mescolate fino a scioglierla. Quindi unite la farina e impastate brevemente in modo che il lievito madre ritorni alla consistenza iniziale. Dividete la pasta madre rinfrescata in due parti uguali, riponetene una parte nel barattolo di conservazione e trasferite la porzione restante nella ciotola dove impasterete la pizza scrocchiarella.

Unite alla pasta madre rinfrescata un cucchiaio di olio extravergine, un pizzico di sale e la farina. Aggiungete acqua a poco a poco (circa mezzo bicchiere) e impastate energicamente, fino ad ottenere un composto molto elastico. Coprite la ciotola con un telo e lasciate riposare fino al raddoppio del volume dell’impasto. I tempi di lievitazione possono variare a seconda della forza del lievito madre e dalla temperatura dell’ambiente, indicativamente dalle 6 alle 10 ore.

Trascorsi i tempi di lievitazione, dividete l’impasto in due parti. Lavoratelo tendendolo con le mani come fareste per la normale pizza, quindi stendetelo in uno o più rettangoli sottili, con uno spessore inferiore al mezzo centimetro. Rifinite i rettangoli con la rotella tagliapasta.

Oliate abbondantemente il fondo di una teglia rettangolare e disponete i vostri rettangoli di impasto. Cospargeteli in superficie con origano e rosmarino. Cuocete la pizza scrocchiarella in forno statico a 200°C per 15 minuti, fino a doratura. Servitela ancora calda

PIZZA SENZA GLUTINE

pizza-senza-glutine12

INGREDIENTI

  • 370 gr di acqua tiepida
  • 10 gr di lievito di birra fresco
  • 30 gr di olio Evo
  • condimenti – io ho usato pecorino e prosciutto cotto

PREPARAZIONE

L’impasto si lavora molto bene, è elastico e poco appiccicoso, infatti se andiamo a leggere gli ingredienti vediamo che c’è un doppio elemento addensante, come farina di guar e la gomma di xanthan. Il mix contiene amido di mais, farina di riso, farina di grano saraceno 7%, zucchero, fibre vegetali e sale. 

Il sapore è delicato, non esce nè il retrogusto acidulo, che spesso caratterizza le farine senza glutine e non si sente forte il sapore del grano saraceno, che comunque a me piace molto.
Dopo aver sciolto il lievito nell’acqua tiepida, unitelo alla farina e all’olio e cominciate ad impastare. Appena viene fuori una palla elastica e compatta, mettete a lievitare per due ore in un luogo asciutto e non freddo, magari vicino ad una fonte di calore. Passato il tempo, stendete l’impasto su una teglia (io uso la carta da forno unta) e fate lievitare ancora una ventina di minuti.
Condite la pizza secondo i vostri gusti. io ho fatto metà pizza bianca con pecorino e prosciutto cotto e l’altra con gli stessi ingredienti ma con pomodoro, che ho fatto saltare in padella  con un po’ di olio e basilico. Regolate di sale e infornate a 180° per circa 20/30 minuti.

PIZZA NERA AL CARBONE VEGETALE

focaccia-carbone

INGREDIENTI

Per la base

  • 300 g di farina Manitoba
  • 2 g dilievito di birra essicato
  • 4 g di carbone vegetale
  • 5 g di zucchero di canna
  • 7 g di sale
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 160 ml di acqua

Per la farcitura

  • 200 g di passata di pomodoro
  • 150 g di mozzarella
  • Qualche foglia di basilico
  • 100 g di peperoni
  • 1 cucchiaio diolio extravergine di oliva
  • 1 pizzico di sale

PREPARAZIONE

Preparare la polvere di carbone vegetale. Pestare le compresse di carbone vegetale in un mortaio; in alternativa, schiacciarle tra due fogli di carta da forno aiutandosi con un matterello

Dedicarsi alla preparazione dell’impasto principale. In una ciotola, setacciare la farina Manitoba e mischiarla allo zucchero di canna ed al carbone vegetale ridotto in polvere. Con le mani, creare un solco centrale, dunque unire il lievito di birra secco, l’olio extravergine e l’acqua. Amalgamare il tutto aggiungendo, come ultimo ingrediente, il sale. Impastare la massa a lungo, fino a quando il colore nero si sarà distribuito uniformemente e la pasta avrà raggiunto una consistenza vellutata e priva di grumi.

Sistemare l’impasto in una ciotola e lasciar riposare in un ambiente tiepido fino a quando il composto triplica di volume (2-3 ore).

Nel frattempo, tagliare la mozzarella a fettine e lasciarla sgocciolare attraverso un colino per rimuovere il siero in eccesso.

Pulire i peperoni, rimuovere il picciolo ed i semi interni. Tagliare il peperone a dadini. Versare un goccio d’olio in una padella e far dorare i peperoni per alcuni minuti, mescolando di tanto in tanto. Aggiustare di sale.

Riprendere l’impasto e, evitando di impastarlo, stenderlo su una piastra foderata con carta da forno aiutandosi con le mani: ottenere un rettangolo dallo spessore di pochi millimetri.

Sistemare la placca da forno in un ambiente tiepido, al riparo da correnti d’aria, e lasciar lievitare per un’oretta.

Preriscaldare il forno a 200°C.

Farcire la pizza nera con uno strato di passata di pomodoro, dunque cuocere a 200°C per 15 minuti.

Trascorsi i 15 minuti, rimuovere la pizza dal forno, farcire con mozzarella e peperoni. Cuocere nuovamente e terminare la cottura per altri 10 minuti, abbassando il calore a 180°C.

Sfornare, ultimare con del basilico fresco e servire a fette.

PIZZA BIANCA ROMANA

pizza-bianca-romana

INGREDIENTI

  • 400 grammi di farina 0
  • 300 ml di acqua
  • 2 cucchiai di olio
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino scarso di zucchero
  • 8 grammi di lievito fresco
  • sale grosso
  • olio

PREPARAZIONE
1. Far sciogliere il lievito e lo zucchero in una ciotolina con 200 ml di acqua quindi una volta che questi due ingredienti si sono sciolti versare il liquido in un’altra ciotola con la farina. Accendere il forno per farlo scaldare quindi una volta caldo spegnerlo e chiudere lo sportello.
2. Impastare tutto con le mani quindi aggiungere l’acqua restante, il sale e infine l’olio. Impastare il tutto usando le mani oppure un’impastatrice da cucina fin quando la pasta non è liscia; coprire la ciotola con uno strofinaccio e metterla in forno caldo lasciandola lievitare per 2 ore.
3. Trascorso questo tempo, infarinare il tavolo, ungersi le mani e versare l’impasto (ormai triplicato) sullo base. Lavorare l’impasto ripiegandolo spesso su sè stesso quindi dividere la pasta in due panetti, lavorare ancora i due panetti come sopra e alla fine coprirli con uno strofinaccio bagnato lasciandoli stare per almeno 15 minuti.
4. Passati i 15 minuti ungersi nuovamente le mani e stendere la pasta nelle teglie da pizza unte a loro volta di olio e ricoperte di pangrattato, spargere poco sale grosso sulla superficie e lasciar lievitare per altri 20 minuti.
5. Cuocere in forno caldissimo a 220° per circa 15 minuti (se ventilato), sfornare, tagliare e mangiare subito o lascia raffreddare!

Tempo di preparazione: 4 ore circa

Risultato: croccantina all’esterno e soffice dentro, bella altina così da poter essere tagliata e farcita con la mortadella o con la crema al cioccolato. Avviso ai naviganti: il risultato non è come quello del forno ma si avvicina grazie anche al pangrattato sulla base che conferisce la sensazione di forno a legna.

Variante: è possibile aggiungere rosmarino sulle pizze una volta stese praticando dei piccoli buchetti sulla superficie e sistemando dei ramettini di rosmarino al loro interno.

PIZZA INTEGRALE

pizza-integrale

INGREDIENTI

  • 500 grammi di farina integrale
  • 200 grammi di farina “0”
  • Mezzo litro di acqua
  • 5 grammi di lievito di birra
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 1 cucchiaio di sale
  • 1 cucchiaio di zucchero

**Ogni tipo di farina assorbe acqua in quantità diversa. Controllate sempre la giusta consistenza dell’impasto.

Passate al setaccio la farina , sciogliete il lievito in acqua non fredda(20 gradi)versate tutto in una bacinella e iniziate ad impastare. Dopo avere amalgamato il tutto aggiungete il sale lo zucchero e l’olio, mescolate fino ad ottenere un impasto denso ed elastico, fino a quando non si staccherà completamente dalle vostre mani.

Dividete l’impasto in 4 palline e lasciate lievitare per 2 ore o fino a quando il suo volume non sarà raddoppiato.

A lievitazione completata, spianate le palline, e condite le pizze a vostro piacimento.

Scaldate molto bene il forno a 200/250 gradi, poi infornate le vostre pizze che saranno pronte dopo circa 15 minuti di cottura, o quando il bordo delle pizze risulterà essere perfettamente dorato.

Pizza con Lievito madre secco

 

pizza-lievito-secco

INGREDIENTI

  • 500 gr di farina 0 (io ho utilizzato quella macinata a pietra)
  • 20 gr di lievito madre essiccato
  • 250 gr di acqua
  • un filo d’olio extra vergine
  • 2 cucchiaini di zucchero semolato
  • sale q.b.

PREPARAZIONE

Per prima cosa, in un recipiente abbastanza capiente versate la farina, versate poca acqua, per ottenere un impasto grezzo, non mettete condimenti, lasciate riposare la farina 20 minuti. Così il vostro impasto sarà più elastico.

Trascorsi i 20 minuti riprendete il recipiente contenente la farina, aggiungete il lievito madre essiccato, lo zucchero, l’olio extra vergine d’oliva e la rimanente acqua, impastate, mentre impastate aggiungete il sale. Amalgamate bene tutti gli ingredienti, il composto risulterà liscio ed omogeneo. Formate una palla, sopra al recipiente mettete un canovaccio, lasciate riposare l’impasto dalle 6 alle 8 ore (triplicherà di volume).

Trascorso il tempo necessario di riposo, distribuite la pizza in 3 teglie medie, lasciate riposare un’altra ora prima di infornare.

Condite a vostro piacimento. Infornate a 220 gradi, ventilato. Circa 15 minuti.

Focaccia ai 4 formaggio

focaccia-formaggi

INGREDIENTI

Dosi per 4 persone
Ingredienti per l‘impasto della focaccia:
500 g di farina Manitoba
270 ml di acqua a temperatura ambiente
50 ml di olio extravergine d’oliva
10 g di sale
1 bustina di lievito di birra disidratato
2 cucchiaini di zucchero (se richiesti nelle istruzioni di utilizzo del lievito)

Ingredienti per il ripieno:
150 g di Asiago
150 g di emmental
150 g di gorgonzola piccante
100 g di grana padano grattugiato

Ingredienti per la cottura:
3 cucchiai di olio extravergine d’oliva

Preparazione
Cominciate, preparando l’impasto della focaccia.
Per cui disponete la farina a fontana sul vostro piano di lavoro.
Su questa distribuite il lievito, lo zucchero e il sale.
Invece nella conca versate l’acqua e l‘olio extravergine d‘oliva.
Terminate tali operazioni, partendo dalle polveri, che si trovano a contatto con gli elementi liquidi, iniziate ad amalgamare tutti gli ingredienti, presenti dinanzi a voi.
Quindi impastateli, fino ad ottenere un panetto liscio e sodo.
A causa di una giornata particolarmente umida, è possibile che il composto, che state manipolando, richieda più farina, per cui aggiungetegliene poca alla volta, finché non si incollerà più al piano di lavoro.
Viceversa, qualora risultasse troppo asciutto, unitegli qualche goccio di acqua, in modo da poterlo impastare agevolmente.
In ogni caso, appena il panetto sarà pronto, trasferitelo in un contenitore capiente e fatelo lievitare per circa 2 ore, fino a quando avrà almeno raddoppiato il suo volume.
Inoltre, durante questa fase, conservatelo nel forno spento: tale accortezza agevolerà la crescita della preparazione, in quanto le consentirà di mantenere il calore presente e la proteggerà da eventuali colpi d’aria.
Trascorso il tempo di lievitazione, cospargete di farina il vostro piano di lavoro.
Adagiatevi il panetto, pesatelo e dividetelo in due parti uguali.
Quindi cospargete di farina una delle porzioni ottenute e, aiutandovi con un matterello, riducetela ad una sfoglia, che possa rivestire il fondo di una teglia, che misuri 25×35 cm, o che abbia una superficie equivalente.
Nel compiere tale operazione fate attenzione che la preparazione non si incolli alle superfici con le quali entra in contatto.
Per cui ogni tanto sollevatela ed eventualmente infarinatela ancora.
In ogni caso, quando avrete finito di stenderla, prendete una teglia, che abbia le dimensioni indicate e che sia provvista di rivestimento antiaderente.
Ungetela con un cucchiaio di olio extravergine d’oliva e adagiate al suo interno la sfoglia approntata, facendo attenzione che non si buchi.
Su questa distribuite i formaggi, tagliando l’Asiago, l’emmental e il gorgonzola a cubetti di circa 1 cm per lato, e lasciando liberi circa 1,5 cm del perimetro della pasta.
Quando avrete finito, prendete la porzione di panetto rimanente.
Infarinatela, stendetela con le stesse misure, fornite prima, e adagiatela sugli ingredienti, appena sistemati.
Sigillate perfettamente le due sfoglie, portando i bordi di quella inferiore su quella superiore e pressandoli.
Quindi spennellate la preparazione con i due cucchiai di olio extravergine d’oliva rimasti e, fatto questo, cuocetela in forno ventilato, preriscaldato a 200°C, per circa 20 minuti, fino a quando la sua superficie avrà acquistato un bel colorito dorato.
A questo punto sfornatela.
Trasferitela delicatamente su una gratella, lasciatela riposare per 10-15 minuti ed infine spostatela su un piatto da portata.

Voilà, la focaccia ripiena ai 4 formaggi è pronta! Provate a cucinarla anche voi: seguite con precisione le indicazioni, che vi ho fornito, ma non dimenticate di aggiungere un pizzico di passione!

Servizio e consumo
Come è stato spiegato prima, la focaccia ripiena ai 4 formaggi va servita calda ed è indicata ad essere proposta come piatto unico, nell’ambito di una cena informale, facendola seguire eventualmente da una porzione di verdure (insalata mista, patatine fritte ecc.).

Conservazione
Se non la terminate subito, appena la focaccia ripiena ai 4 formaggi si sarà raffreddata, potrete avvolgerla con della pellicola trasparente.
Quindi potrete conservarla sia in frigorifero, che in freezer.
Nel primo caso si manterrà per un paio di giorni.
Nel secondo invece rimarrà inalterata anche per 1 mese, ma sull’involucro sarà opportuno apporre una targhetta, che ne riporti la data di confezionamento.
Al momento di consumarla, dopo averla eventualmente scongelata, non dovrete fare altro che riscaldarla nel forno, o in un microonde.

FOCACCIA LIBANESE

focaccia-libanese

Lo zaatar è una spezia  molto usata in tutto il medioriente. E’  composta  principalmente da alcune alcune piante locali  tra le quali spicca il timo a cui si aggiungono sesamo, sumac e sale. Spesso può anche includere altre  Lamiacea e come origano e  maggiorana, cumino, semi di finocchio, santoreggia.
Ha diversi usi con verdure, carni e  pesci, ottimo  con olio  per  condire  l’hummus.
Ma quello più caratteristico è come condimento di una focaccia molto simile alla nostra pizza bianca, chiamata  Manakish. Per questo motivo tempo fa l’ho usata su un pane e ci stava  molto bene.

Per  fare la  focaccia ho usato una  ricetta presa da pan di pane come dosi e con  un procedimento  molto semplificato. Nel post  originale ci sono  le diverse  dosi se  si usa  lievito madre solido o liquido. Io ho usato  un poolish fatto il  giorno prima con  lievito  di  birra, quindi le  mie  dosi  sono:

INGREDIENTI

500 gr di farina tipo 0 bio,
380 gr di acqua,
150 gr di poolish (preparato la  sera  prima  con  75 g farina + 7 5g acqua + 2-3  g  lievito di birra)
12 gr di sale
30/40 gr di olio
+ olio e  zaatar per emulsione finale.

Come dicevo la sera  prima ho preparato il  poolish con 75g farina + 75g acqua + 2-3  g  lievito di birra. L’ho fatto  lievitare tutta la notte  e il  giorno dopo aveva  delle  belle bollicine  fitte  e  numerose.
A questo  punto  l’ho sciolto in un ciotola che userò per l’impasto con tutta l’acqua.
Poco per  volta  ho  aggiunto la farina mescolando con la spatola fino a che l’acqua non è tutta assorbita.
Spolvero  con il  sale e aggiungo tutto  l’olio che mi aiuterà nel  fare le  pieghe. Nel frattempo faccio fare  un primo  riposo all’impasto.Faccio 4  pieghe  semplici e  riposo  20  minuti. Altre  4  pieghe  semplici  e altro  riposo. Il tutto  ripetuto 3-4  volte. Alla  fine  sarà passata  circa un’ora  e metto  l’impasto, coperto con pellicola, nel frigo  da 6 fino a 18  ore  al massimo (secondo quando  voglio cuocere  la mia focaccia ).
Quando  tiro fuori  l’impasto dal frigo  devo calcolare 2  ore di acclimatamento. Dopo di che  rovescio l’impasto  nella  teglia spolverata con semola  rimacinata affinchè non attacchi.
Ho allargato leggermente l’impasto con i polpastrelli delle dita oleati, con delicatezza senza  premere, partendo dal centro e muovendo verso l’esterno. Lasciare riposare l’impasto affinchè si rilassi  e perda  elasticità ed  eventualmente  allargare ancora. Non forzare mai l’impasto e  non toccarlo troppo.
Con le dita unte ho  fatto delle fossette su tutto l’impasto, a piacere si possono mettere erbe aromatiche a macerare in olio d’oliva per aromatizzare, io  ho  spennellato con  un’emulsione di  olio, sale  e  zaatar.
Poi  ho  lasciato  lievitare  in teglia.

BABA’ RUSTICO NAPOLETANO

baba-rustico

INGREDIENTI

  • 300 gr di farina 00
  • 300 gr di farina manitoba
  • 330 ml di latte
  • 4 uova
  • 100 gr di burro (ammorbidito)
  • 1 cucchiaino di zucchero (semolato)
  • 25 gr di lievito di birra (fresco)
  • 60 gr di parmigiano (grattugiato)
  • 200 gr di galbanino (o altro formaggio a pasta filata)
  • 200 gr di scamorza (o provola)
  • 200 gr di prosciutto cotto
  • 100 gr di pancetta (dolce)
  • 100 gr di salame (napoletano)
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • q.b. di pepe

PREPARAZIONE

Per preparare il babà rustico iniziate a preparare formaggi e salumi tagliandoli a pezzetti piuttosto piccoli.

Riunite in una ciotola le farine, lo zucchero, il sale ed aggiungete il latte, nel quale avrete sciolto il lievito di birra, mentre mescolate l’impasto.

 

Unite le uova e continuate a lavorare.
Quando le uova saranno state assorbite aggiungete anche il burro ammorbidito a pezzi.
Lavorate bene il tutto fino ad ottenere un impasto liscio e morbido.
Aggiungete formaggi, salumi, parmigiano ed un pizzico di pepe ed amalgamate tutto.
Trasferite l’impasto in uno stampo a ciambella per babà unto e lasciate lievitare fino al raddoppio in un luogo riparato da correnti.
Infornate il babà in forno preriscaldato a 180° per 40 minuti, sfornate e lasciate raffreddare.
Sformate il vostro babà rustico napoletano in un piatto da portata e servitelo a fette.

 COPPIA FERRARESE

coppia-ferrarese

INGREDIENTI

  • farina oo 500 g
  •  acqua 175 g
  •  strutto 30 g
  •  lievito madre 50 g
  •  sale 9 g
  •  malto 5 g
  • olio di oliva extravergine 20 g

PREPARAZIONE

Versate in una ciotola l’acqua, il malto e scioglieteci il lievito madre, aggiungete la farina e lavorate fino ad amalgamare tutto. Inserite lo strutto e fatelo ben assorbire, ad impasto finito, aggiungete l’olio e il sale e impastate fino a formare una massa liscia ed omogenea. Dividete l’impasto in 8 panetti da 95-100 g per ottenere 4 coppie ferraresi all’incirca da 195-200 g circa.

Lavorate ogni panetto con il mattarello o con la macchina per la pasta fino a ottenere uno spessore di 1,2 cm.

Ora arrotolate ogni panetto: tenete un’estremità con una mano e con l’altra iniziate ad arrotolare e srotolare e piano piano andate fin quasi alla fine del panetto, ripetete l’operazione con un altro panetto.

A questo punto uniteli per formare la coppia (dovete pressarli sul centro) e ponetele a lievitare su una teglia da forno in un luogo tiepido per 90-120 minuti.

Preriscaldate il forno a 200°C e cuocetele per 18-20 minuti.

PANE DEI PELLEGRINI

pane-dei-pellegrini

INGREDIENTI

Per il lievitino
– 50 g d’ acqua a temperatura ambiente
– 2 g di lievito di birra
– 100 g dì farina tipo 00
Per l’impasto:
– 300 g di acqua a temperatura ambiente
– 20 g di lievito di birra
– 1 dose di lievitino
– 300 g di farina bianca
– 100 g di farina di forza
– 100 g di crusca
Preparare il lievitino:
– Versare ne! boccale acqua, lievito e farina, impastare: 20 sec. vel. 4.
– Togliere il piccolo impasto e metterlo in una ciotola di ceramica. Coprire con pellicola trasparente e far levitare per 18 ore in luogo tiepido.
Preparare l’impasto:
– Versare nel boccale l’acqua e il lievito: 20 sec. vel. 2.
– Aggiungere il lievitino, le farine e la crusca, impastare: 5 min. spiga
– Togliere l’impasto e sistemarlo in una ciotola di ceramica dai bordi alti. Coprire con pellicola trasparente e lasciare riposare la pasta per tutta la notte, in un luogo tiepido (ad una temperatura non superiore ai 25°),
– Riprendere l’impasto e lavorarlo sul piano da lavoro infarinato, formando a piacere una pagnotta unica o dei piccoli panini.
• Foderare la placca del forno con carta forno e sistemarvi il pane (o i panini).
• Cuocere in forno statico caldo a 200° per circa 30 minuti.
• A cottura ultimata, immergere il pane in acqua bollente e rimettere poi in cottura nel forno a 200° per altri 10 minuti o comunque per.il tempo che serve ad asciugare.

PANCARRE’

pancarre-fatto-in-casa

INGREDIENTI

  • 200 gr di farina manitoba
  • 200 gr di farina 00
  • 12 gr di lievito di birra
  • 40 ml di latte
  • 40 ml di olio di semi
  • 160 ml di acqua
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di sale

PREPARAZIONE

Mescolate insieme acqua, latte e zucchero e scaldateli leggermente. Quindi scioglieteci il lievito.

Mescolate le due farine setacciate e aggiungete il lievito sciolto, insieme al sale e all’olio e impastate molto bene. Formate una palla e lasciatela lievitare per un’ora in un luogo caldo.

Trascorso questo tempo riprendete l’impasto, stendetelo e arrotolatelo disponedolo in uno stampo da plumcake imburrato e lasciatelo lievitare di nuovo per 45 minuti.

Cuocete in forno statico a 200 gradi per 45 minuti.

Sfornate il pancarrè e fatelo raffreddare nella teglia prima di tagliarlo a fette.

PANE DI PATATE

pane-di-patate

INGREDIENTI

  • 400 gr di farina 00
  • 250 ml di acqua
  • 300 gr di patate
  • 10 gr di lievito di birra
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 2 cucchiaini di sale

PREPARAZIONE

In una ciotola mescolate 50 gr di farina, un cucchiaio d’olio e l’acqua con il lievito sciolto all’interno, lasciando riposare per mezz’ora.
Nel frattempo sbucciate le patate, tagliatele a tocchetti e lessatele in acqua per circa 30 minuti.
Schiacciate le patate ancora calde con uno schiacciapatate e versate la purea nella ciotola con l’impasto preparato in precedenza. Aggiungete la restante farina ed il sale e iniziate a lavorare il composto fino a formare un panetto morbido. Lasciate lievitare l’impasto per un’ora. Trascorso questo tempo, disponete la pagnotta su una teglia da forno e fatela lievitare al caldo per un’ora e mezza. Spennellate la superficie con farina di mais, infornate quindi il pane di patate in forno già caldo a 180° e cuocete per 30 minuti circa.

LIEVITO MADRE FATTO IN CASA

lievito-madre

PROCEDIMENTO 

  • 200 gr di farina bio di tipo 0 semintegrale e integrale
  • 90 ml di acqua tiepida

PREPARAZIONE

La pasta madre va preparata in una cucina in cui la temperatura media è di 22-25°. Mettete la farina in una terrina, aggiungendo l’acqua un po’ per volta fino ad ottenere un impasto molto morbido ma non troppo appiccicoso.

L’impasto così ottenuto va messo in un contenitore di vetro precedentemente infarinato; incidete la superficie dell’impasto con un taglio a croce e coprire il contenitore con un panno umido e della pellicola trasparente.

L’impasto va lasciato riposare per 48 ore sempre in un luogo tiepido a circa 18°-25°. Può essere utile avvicinare o, comunque, avere all’interno della stanza della frutta matura perché questa favorisce la fermentazione.

CONSIGLIO :Come rinfrescare la pasta madre anche per l’impasto fatto con il Bimby

Passati i due giorni, l’impasto ha cominciato a gonfiarsi un poco e si sono formati dei grandi alveoli; pesatelo e prendetene 200 gr, riponendo il resto in frigo.

Vi aggiungerete altri 200 gr di farina e 100 ml d’acqua. Procedete come descritto nel primo passaggio e fate riposare per altri 2 giorni. Il cosiddetto rinfresco, con la medesima procedura e le medesime quantità serve a fornire nuovi zuccheri semplici e complessi da far mangiare ai lieviti e favorire così il processo di lievitazione.

Continuate questa procedura di “rinfresco” per almeno altre 2 settimane. La pasta madre dovrebbe raggiungere un volume 4 volte superiore e dovrebbe avere un profumo d’aceto.

Il lievito madre si conserva in frigo, senza problemi, per una settimana: trascorso tale lasso di tempo, è necessario rinfrescarlo di nuovo, con la stessa procedura già descritta, lasciandolo prima almeno 5 ore a temperatura ambiente, sempre ricoperto dal panno umido e dalla pellicola, e poi impastarlo in una ciotola con una quantità di farina pari al suo peso e un quantità d’acqua corrispondente al 50% rispetto al peso della farina (ad esempio 300 gr di peso della pasta madre vanno rinfrescati con 300 gr di farina e 150 ml di acqua).

Panificazione

Fate riposare la pasta madre a temperatura ambiente nello stesso contenitore, sempre coperta con un canovaccio, per altre 4-5 ore circa, finché non sarà raddoppiata in volume.

Prelevatene poi 100-150 gr da tenere in frigo per un altro rinfresco, e usate il resto per farne dell’ottimo pane con lievito madre.

Se seguite questo processo la sera precedente e fate riposare la pasta madre a temperatura ambiente tutta la notte, potrete fare il pane già il mattino successivo. Per poter conservare il lievito madre negli anni, occorre ripetere per sempre il rinfresco ogni settimana.

ANGELICA SALATA

angelica-torta

INGREDIENTI

PER IL LIEVITINO
• 10 g di lievito di birra
• 140 g di farina manitoba
• 70 g di acqua
• 1 cucchiaino di zucchero
PER L’IMPASTO
• 400 g di farina manitoba
• 150 ml di acqua
• 100 g di burro
• 3 tuorli d’uovo
• sale
PER LA FARCIA
• 200 g di prosciutto cotto
• 200 g di mozzarella
• olive nere
• 2 cucchiai di parmigiano

PREPARAZIONE

Preparate il lievitino che sarà alla base della vostra torta angelica salata: amalgamate lievito di birra, acqua tiepida, mai calda per non bloccare l’effetto del lievito, farina manitoba e zucchero. Lasciatelo lievitare per un’ora e successivamente preparate l’impasto aggiungendo al lievitino le uova, l’acqua, il burro, il sale e infine la farina. Impastate energicamente e lasciate lievitare per circa 1 ora e 30 minuti. Tagliate a dadini sia il prosciutto cotto che la mozzarella. Denocciolate le olive.

Quando l’impasto sarà ben lievitato, stendetelo con un matterello fino a uno spessore di circa mezzo centimetro, cercando di ottenere una sfoglia dalla forma rettangolare. Spennellate la sfoglia con olio extravergine di oliva e ricopritela di tutti gli ingredienti: mozzarella, prosciutto cotto, parmigiano e olive nere.

Arrotolate la sfoglia fino a ottenere un rotolo, tagliate il rotolo a metà con un coltello, quindi separate le due parti e intrecciatele in modo da formare una ciambella. Sistemate la torta angelica salata in una teglia rivestita di carta forno e dopo un’ora di lievitazione, infornate a 180° per circa 40 minuti.

PANE NERO AL CARBONE VEGETALE

Activated carbon bread - pane carbone vegetale

PANE NERO AL CARBONE VEGETALE

INGREDIENTI

Ingredienti per preparare il pane al carbone vegetale:

●    500 gr di farina 0 o integrale
●    1 cucchiaino di sale
●    1 cubetto di lievito di birra fresco
●    6 gr di carbone vegetale (oppure 10 pastiglie)
●    5 cucchiai di olio EVO
●    250 ml circa di acqua tiepida

PREPARAZIONE

La preparazione del pane al carbone vegetale è molto semplice e segue tutti i passaggi della preparazione del pane tradizionale.

Se avete la polvere di carbone vegetale, non dovete fare altro che mescolarla con la farina. Se invece avete trovato le compresse, tagliatele con un coltello e trituratele in un mixer. Miscelate bene la farina, il carbone e il sale dentro una ciotola capiente. Poi sciogliete il dado di lievito e lo zucchero nell’acqua tiepida.

Mettete il composto secco su una spianatoia e formate una fontanella al centro. Aggiungete gradualmente la parte liquida ed impastate energicamente per far assorbire i liquidi dalla farina. Impastate ripiegando più volte l’impasto su se stesso, fino a quando non ottenete una palla morbida ed omogenea. Mettetela a riposare coperta da un telo per almeno due ore, per lasciare che lieviti.

L’impasto sarà pronto per la cottura quando avrà raddoppiato le dimensioni. A questo punto date al vostro impasto la forma che preferite: potete formare un’unica pagnotta, oppure fare tanti panini più piccoli. Infornate in forno già caldo a 200° e fate cuocere per circa 30 minuti.

Il tempo di cottura varia a seconda delle dimensioni delle vostre pagnotte: se avete fatto un unica pagnotta servirà un tempo maggiore, mentre per i panini basterà meno tempo. In ogni caso la cottura va costantemente controllata e regolata anche in base ai gusti personali. Quando il pane è pronto, sfornate e lasciatelo riposare per farlo raffreddare leggermente prima di mangiarlo.

PANE CARASAU

pane-carasau-ricetta-bimby

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • semola di grano duro rimacinata 500 g
  • acqua 250 g
  • lievito di birra 5 g
  • sale 9 g

PREPARAZIONE

Versare l’acqua in una ciotola capiente o nella ciotola dell’impastatrice, aggiungete il lievito di birra, la semola e iniziate ad impastare, dopo qualche minuto inserite il sale e continuate a lavorare fino a quando l’impasto risulterà liscio ed elastico.

Riponetelo in un contenitore a lievitare per circa 30-45 minuti.

Capovolgete l’impasto su un piano di lavoro, dividetelo in 3 panetti da 250 g ciascuno, arrotondateli, formando 3 palline. Copritele con un telo e lasciatele riposare per 30 minuti circa.

Ora aiutandovi con un piccolo mattarello, stendete ogni pallina, formando un disco dal diametro di circa 40 cm. Mettete ogni disco a lievitare su un telo di cotone per 30 minuti. Accendete il forno e scaldate la refrattaria alla massima potenza, per chi non ha la possibilità di utilizzare una pietra refrattaria, andrà bene la placca (o leccarda) del forno capovolta.

Quando il forno è pronto, iniziate a cuocere il primo disco di pane. Dopo poco i dischi iniziano a formarsi le prime bolle e a rigonfiarsi da un lato.

Dopo pochi secondi diventa quasi del tutto gonfio.

Quando è ben gonfio, sfornatelo.

Facendo attenzione a non scottarsi e, aiutandovi con un coltello ben affilato, dividete in due parti il pane

Ricavate 2 sfoglie. Impilatele e pressatele leggermente per evitare che i bordi si ripieghino su se stessi.

A questo punto, avviene la fase della carasatura. Per un minuto circa, rimettete a tostare ogni sfoglia nel forno, sfornate e di nuovo impilate e pressate leggermente. Questa operazione rende il pane croccante e dona con una lunga conservabilità.

CASATIELLO NAPOLETANO

casatiello-salato

CASATIELLO NAPOLETANO

Il Casatiello napoletano: l’immancabile torta rustica della Pasquetta partenopea..

Il casatiello napoletantoNapoli non ha bisogno di molte presentazioni, così come la sua cucina. Questa, proprio come la città, è splendida, stupefacente, inaspettata, differente. E se è possibile lo è ancor più nel periodo pasquale, tempo in cui le tradizioni culinarie legate alla festa religiosa, imbandiscono le tavole di prodotti squisiti e particolari.

Oltre alla celebre pastiera, anch’essa preparata per festeggiare la Pasqua, un altro prodotto è tipico in questi giorni festivi: il Casatiello. Questo è una torta rustica, caratterizzata da un abbondante numero di ingredienti e tipica dell’intera Campania ma della zona di Napoli in particolare. Salame, provola, pancetta e formaggi si uniscono per creare questo prodotto squisito, simbolo di una antica tradizione.

Vediamo la preparazione delle due versione…con l’aiuto del Bimby e senza

INGREDIENTI 

  • 35 g di lievito di birra
  • latte: qualche cucchiaio
  • 2 cucchiai di farina per il panetto
  • lievito di birra
  • 250 g di farina
  • 2 uova
  • 50 g di burro
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 200 g di ciccioli
  • 1 pizzico di sale
  • 100 g di salame
  • 50 g di pecorino grattugiato
  • 100 g di provolone
  • 50 g di grana padano
  • 100 g di pancetta a cubetti

 PREPARAZIONE

1- Prendete anzitutto una terrina dove scioglierete 35 gr di lievito di birra in qualche cucchiaio di latte non troppo caldo.

2- Dopo aver unito due cucchiai di farina, impastate il tutto e formate un panetto che farete lievitare per circa un’ora, coperto da uno straccio.

3- Disponete dunque 250 g di farina a fontana; unite due uova, 50 g di burro, 1 cucchiaio di zucchero, 200 g di ciccioli e un pizzico di sale.

4- Unite il tutto all’impasto precedente.

5- Alla fine aggiungere 100 g di salame (tipo Napoli), 50 g di pecorino grattugiato, 100 g di provolone tagliato a cubetti, 50 g di grana padano grattugiato e 100 g di pancetta a cubetti.

6- L’impasto ottenuto va quindi posto in una teglia precedentemente unta con del burro la quale deve risultare piena solo fino alla metà.

7- Dopo aver coperto la teglia con un telo fate lievitare per tre ore circa.

8- Non resta ora che infornare in forno tiepido (170 °C) per circa 45 minuti fino a quando il Casatiello non sarà internamente asciutto e dorato in superficie.

Non resta che lasciar intiepidire e gustare.

CRACKER AL FORMAGGIO

crackers-al-formaggio-fatto-in-casa

I crackers al formaggio sono uno sfizioso aperitivo salato. Sono il finger food ideale da servire in ogni occasione, si accompagnano alla perfezione con salumi, formaggi freschi, pesce o verdure. Il punto forte dei crackers al formaggio è la loro infinita versatilità. È infatti possibile personalizzarne sia le farine, utilizzando ad esempio della farina integrale, sia il formaggio utilizzato nell’impasto e provate a sostituirlo con formaggio di capra, o caciocavallo o qualunque formaggio semi stagionato o stagionato. Non utilizzate formaggio fresco, in quanto l’impasto tenderebbe a diventare poco lavorabile.

INGREDIENTI SENZA IL BIMBY

  • 60 g di pecorino stagionato
  • 250 g di farina 00
  • 5 g di sale
  • 30 g di olio extravergine di oliva
  • Un cucchiaino di semi di papavero
  • 100 g di acqua (un misurino colmo)

Per spennellare

  • 15 g di acqua
  • 15 g di olio extravergine di oliva

 PREPARAZIONE

Inserisci nel boccale 60 g di pecorino stagionato a pezzi. 7 Sec. Vel. 10.Aggiungi 250 g di farina 00, 5 g di sale, un cucchiaino di semi di papavero e 30 g di olio.Con le lame in movimento, versa dal foro del coperchio 100 g di acqua. 30 Sec. Vel. Spiga.Raccogli l’impasto sul piano di lavoro, forma una palla e avvolgila nella pellicola.Lascia riposare 30 Min.

FIORI D’ACQUA DELLA MULINO BIANCO

fiori-dacqua

INGREDIENTI 

  • 400 grammi farina 00
  • 200 grammi farina integrale
  • 300 grammi acqua
  • 50 grammi olio semi
  • Olio evo abbia
  • Sale qb

PREPARAZIONE

Fare un impasto con farina, olio e acqua e lavorarlo bene. Metterlo in un sacchetto da freezer e lasciarlo riposare per almeno un’ora.

Accendere il forno a 180°.

Infarinare  la spianatoia o adoperate tranquillamente la macchinetta sfogliatrice, tirare la sfoglia sottile e tagliare a rettangoli.

Disporre su una teglia con carta da forno cospargere con alcuni chicchi di sale grosso ed infornare per circa 5 minuti o fino a quando non vedrete che iniziano a colorire. Non li fate cuocere troppo mi raccomando!

Si conservano per alcuni giorni chiusi ermeticamente in un contenitore di latta.

Non mi sono dimenticata di scrivere il lievito, non c’è!

GNOCCO FRITTO EMILIANO

GNOCCO FRITTO

INGREDIENTI

  • 60 ml di latte o acqua
  • 1 cucchiaino di lievito di birra secco
  • 350 g di farina 00 più un po’ per spolverare
  • 30 g di strutto ammorbidito a temperatura ambiente (o la stessa quantità di burro o olio d’oliva)
  • un pizzico di sale
  • 1 litro d’ olio per friggere (o 500 g di strutto, secondo la tradizione)
  • salumi stagionati e crescenza per servire

PREPARAZIONE

Scaldate il latte fino a intiepidirlo appena. Versatelo in una ciotola capiente e mescolatelo al lievito. Lasciate riposare per 10 minuti. Aggiungete poi la farina, lo strutto e due pizzichi di sale. Impastate l’impasto per lo gnocco emiliano per 10 minuti.

Formate una palla d’impasto, infarinatela un po’ e riponetela a lievitare in una ciotola a temperatura ambiente per almeno 1 ora coperta da un telo da cucina.

Trascorso il tempo di lievitazione, infarinate leggermente il piano di lavoro e stendete l’impasto con un mattarello fino ad ottenere uno spessore di circa mezzo centimetro.

Servendovi poi di un coltello affilato o di una rotella, tagliate delle losanghe a forma di rombo.

Versate l’olio (o lo strutto) in una pentola e lasciatelo scaldare bene. Fate la prova con un pezzettino d’impasto per verificare la temperatura di frittura. Tuffate pochi gnocchi per volta e friggeteli fino a quando saranno gonfi e dorati. Rigirateli di tanto in tanto.

Quando saranno cotti, scolateli con un mestolo forato e asciugateli con della carta da cucina. Servite gli gnocchi fritti emiliani tiepidi accompagnandoli con formaggi freschi come la crescenza o con salumi stagionati.

CHIACCHERE SALATE

chiacchere salate

INGREDIENTI 

  • 125 g di farina 00
  • 1 tuorlo
  • 75 ml di acqua
  • 1 pizzico di bicarbonato
  • 1 cucchiaio di olio di semi

PROCEDIMENTO

Versate la farina, il tuorlo, l’acqua, il bicarbonato e l’olio nel robot, formate una palla e lasciate riposare avvolta da pellicola 40 minuti.

L’impasto può essere realizzato anche a mano, versate la farina sulla spianatoia e al centro aggiungete gli altri ingredienti, lavorate tutto e se serve unite un po’ di acqua.

Stendete l’impasto a mano o con la macchinetta, devono essere sottili 1-2 mm al massimo, ricavate tante striscioline.

Fate 3 tagli con il coltello su ogni chiacchiera e friggetele in olio di semi caldo, non troppo bollente.
Scolate su carta da cucina.

Servite con salumi.

TIGELLE ALLO YOGURT

tigelle 2

INGREDIENTI 

Ingredienti per 20 tigelle allo yogurt in padella

  • 220 g farina
  • 125 g yogurt bianco non zuccherato
  • sale q.b.
  • 8 g lievito istantaneo per torte salate (lievito Pizzaiolo paneangeli)
  • qualche cucchiaio di acqua (se serve)
  • olio per ungere la padella

Per preparare le tigelle allo yogurt in padella partiamo dall’impasto base delle tigelle: in una ciotola capiente impastiamo per bene lo yogurt con la farina setacciata insieme al lievito istantaneo. Se serve (dipende dalla quantità di acqua che è nello yogurt) aggiungete anche qualche cucchiaio di acqua. Mettete il sale all’ultimo. Dovete ottenere un impasto liscio, sodo ed elastico.

Lasciate riposare per mezz’ora su una spianatoia infarinata (coprite il panetto con un panno).

Trascorsa la mezz’ora, con un mattarello stendete l’impasto in una sfoglia alta 3 mm, tagliate dei dischi del diametro di 6 cm (io ho usato un coppapasta, voi potete usare un bicchiere di quelli della Nutella). Ungete la padella antiaderente, fatela riscaldare bene e poi mettete qualche tigella a cuocere. Durante la cottura le vedrete crescere e lievitare.

Fate cuocere per 3-4 minuti a lato, girate a metà cottura le Tigelle allo yogurt in padella e toglietele dalla padella quando saranno ben dorate.

Quando sono ancora calde tagliate a metà le Tigelle allo yogurt in padella e farcite come preferite, con formaggi, salumi ecc. Servite tiepide. Buon appetito!

tigelle e prosciutto

PIZZA BABA’

PIZZA BABA

INGREDIENTI 

  • 300 gr di farina
  • 2 uova intere
  • 1/2 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di sale
  • 100 gr di burro
  • 150 gr di latte
  • 100 gr di acqua
  • 100 gr di fontina
  • 100 gr di prosciutto cotto
  • 100 gr di salame milano
  • 1 cubetto di lievito di birra

PREPARAZIONE

Lavorare nel mixer il latte,l’acqua e il lievito.

Una volta che questo si è sciolto,aggiungere il burro fuso, lo zucchero, il cucchiaino di sale e le uova intere.

Far lavorare un po’ ed aggiungere la farina.

L’impasto risulterà molto liquido.

Inserire metà impasto in una teglia e sovrapporre su di esso il prosciutto cotto,la fontina e il salame milano.

Aggiungere il restante impasto. Se l’impasto sembra poco per coprire gli affettati,aiutarsi con un cucchiaio a distendere l’impasto.

Mettere a lievitare per circa 1 ora direttamente sulla griglia del forno dove si andrà a cucinare.

E’ importante non muovere la teglia una volta che l’impasto ha raggiunto la lievitazione. Cucinare a 170 per circa 30 minuti a forno ventilato.

PALLONCINI DI PANE CON SORPRESA …RICETTA

PALLONCINO DI PANE

Pane palloncino cotto in padella, la ricetta è semplicissima ma è la cottura che potrebbe crear qualche problema. L’impasto è semplice e veloce, solitamente il pane palloncino viene cotto in forno; io ho voluto provare a cuocerlo in padella con coperchio, ci sono riuscita ma non nego che qualche palloncino non era perfetto, ma non si butta nulla, ve lo garantisco. Il pane palloncino cotto in padella oltre ad essere gustoso, croccante e leggero può fungere da scenografico contenitore per le nostre insalate, per contenere primi piatti asciutti oppure salumi e formaggi da gustare spezzettando il pane palloncino. Un formato di pane speciale da portare a tavola per stupire.

Ingredienti per 4 persone

  • 125 di farina per pizza
  • 85 ml di acqua
  • 3 g di sale
  • 4 g di lievito di birra fresco
  • padella antiaderente con coperchio

primi piatti asciutti oppure salumi e formaggi da gustare spezzettando il pane palloncino. Un formato di pane speciale da portare a tavola per stupire.

PREPARAZIONE

  1. In una ciotola setacciare la farina, unire l’acqua, il sale, il lievito sbriciolato e impastare il tutto sino a ben amalgamare gli ingredienti
  2. Trasferire l’impasto sul piano lavoro leggermente infarinato e continuare ad impastare sino ad ottenere un panetto liscio
  3. Far lievitare nella ciotola coperta con pellicola per circa 30 minuti in un luogo tiepido
  4. Infarinare il piano lavoro e con un matterello stendere, non molto sottile, il panetto per ottenere un rettangolo
  5. Con una rotella ricavare dei piccoli rettangoli , far riposare per circa 15 minuti
  6. Trascorso il tempo, far scaldare una padella antiaderente con coperchio su un fornello grande a fuoco medio
  7. Infarinare con farina setacciata il piano lavoro e con il mattarello stendere sottile ogni rettangolo
  8. Quando la padella sarà calda, allontanare il coperchio, sistemare un rettangolo di impasto e coprire immediatamente con coperchio. In pochi istanti si gonfierà a palloncino, non togliere il coperchio se non diventa dorato altrimenti il palloncino si sgonfierà inesorabilmente (puoi capitare anche che il palloncino vero e proprio non si ottiene ma si avrà una pizzella con tante bolle ottima da gustare)
  9. Il pane a palloncino può essere cotto anche in forno già caldo a 250°C su placca Servire i palloncini come sostituto del pane o come contenitore .

 PIZZA CAKE

torta pizza

Conosciamo la pizza nelle sue infinite varianti di gusto, emblema della cucina italiana in tutto il mondo: margherita, napoletana, quattro gusti, capricciosa… Ma anche per palati sfiziosi: alla diavola, al tonno, alla parmigiana, con rucola e grana… Non finiremo mai di elencarle. Eppure esiste un altro insospettabile e sorprendente modo con il quale realizzare la pizza; si tratta di una creazione multistrato, sempra quasi una torta rotonda farcita: la pizza cake. Con gli ingredienti giusti, un po’ di tempo a disposizione, molto amore per la cucina e con le indicazioni qui di seguito descritte, vediamo dunque insieme come si fa a preparare in modo semplice una pizza cake.

Ingredienti Pizza Cake (diametro 18-20 cm, 3 strati)

  • 600 gr. di pasta per pizza lievitata (ovviamente potete farla in casa, io per comodità l’ho acquistata pronta);
  • 500 gr di conserva di pomodoro;
  • 300 gr. di filone di mozzarella (quella fresca farebbe troppa acqua ed essendo più strati potrebbe essere un problema);
  • Origano;
  • Ingredienti a piacere per la farcitura;

Procedimento:

Il primo passo è stato stendere parte della pasta lievitata e ricavare due dischi delle dimensioni della tortiera in cui si andrà a cuocere, posizionarli sopra la carta oleata su una teglia e cuocerli in forno (forno ventilato 200°c), si tratta di un passaggio molto importante perchè vista l’umidità interna della pizza a strati se questi sono crudi in partenza si avrà un risultato deludente.

Intanto ho foderato la tortiera con altra carta da forno ed ho utilizzato la pasta rimanente per ricoprirla e procedere alla realizzazione dello strato di base: pomodoro e mozzarella a cubetti sul fondo.

Una volta cotti i dischi ho realizzato gli strati interni, posizionando pasta, pomodoro e mozzarella uno strato sopra l’altro fino ad arrivare in cima e completare con qualche pomodorino ciliegia.

Infornato il tutto per una ventina di minuti, l’importante e controllare che sia cotta, una volta pronta mi sono immersa in un paradiso formaggioso. Come al solito aspetto di sapere che ne pensate e se proverete anche voi la ricetta per pizza cake venite a raccontarmelo, sono curiosa!